Cerca
  • Paola Angelucci

PERCHÉ AVERE UN SITO WEB

So già cosa state pensando. Avete già una pagina o un profilo Facebook e pensate sia sufficiente. A che vi serve un sito web? Vi serve. Per prima cosa perché il sito è vostra proprietà, il profilo social no. In secondo luogo, perché con un sito potete fare cose che i social non vi permettono.


La pagina Facebook per iniziare va benissimo. È facile da creare e potete farla girare subito tra conoscenti e contatti. Ricordate che funziona come la compagnia degli amici: più spesso si frequentano, più è facile tenersi in contatto con loro e fare cose insieme. Se scomparite, quando tornate non è detto che li troviate ancora lì. Ossia, meglio postare regolarmente – idealmente, una volta al giorno – per tenere i vostri contatti aggiornati su quello che fate. In caso contrario, dopo qualche giorno di assenza, finite in fondo ai loro schermi e non vi leggono più. Quindi, la pagina social va bene, ma non benissimo!


Le pagine social completano il sito web, non lo sostituiscono.


Se preferite, fatevi aiutare da un esperto di fiducia: un buon informatico è sicuramente la scelta migliore! Allo stesso tempo oggi è abbastanza facile fare un sito anche utilizzando piattaforme come Wix e WordPress. Sono intuitive e semplici da utilizzare anche per chi è digiuno di informatica e di grafica e hanno un investimento contenuto.

Come fare? Partiamo dalla base.


Per cominciare, scegliete un colore che vi rappresenti.


Avete già un logo? Utilizzate colori coordinati anche per il sito, in questo modo date ai visitatori una certa coerenza visiva e state strutturando la vostra strategia di marchio.

Scegliete un design semplice e pulito, un carattere che vi piaccia e che sia chiaro da leggere. Il capitolo caratteri è vastissimo! In linea di massima, lineare e senza grazie è più leggibile. Evitate caratteri troppo originali che potrebbero apparire confusi e difficili da leggere dallo schermo di un computer o, a maggior ragione, di uno smartphone.

Per il contenuto, seguite la regola del tre.


Secondo alcuni studi, la mente umana afferra e ricorda molto facilmente tre elementi per volta.


Il tre ci condiziona fin da piccoli: da “un, due, tre… stella!” o “tre, due, uno…. Via! Tutto quello che è strutturato in tre parti, dal ritornello di una canzone a una pagina web ci risulta riconoscibile e familiare (sappiate che la nostra mente è nemica acerrima della fatica). Le pagine organizzate idealmente con tre elementi e ogni elemento suddiviso in tre parti rende lettura e memorizzazione facile e piacevole per i visitatori.


Ecco, appunto, tre esempi di siti relativi alle biciclette che mi sono piaciuti molto: lasciatevi ispirare!


https://www.giant-bicycles.com/us

Molte pagine sono strutturate sulla regola del tre, a cominciare dai tre marchi in alto a sinistra. Carattere chiaro e ben leggibile, immagini di grande effetto.


https://hilltopbicycles.com/

Semplicità e regola del tre all’ennesima potenza! Immagini a tutto schermo, testi semplici, carattere pulito. Da donna, apprezzo che ci sia una massiccia presenza femminile (farò a breve un approfondimento sulla female economy).


https://www.veloretti.com/

Essenziale, pulito, video e immagini a tutto schermo, regola del tre ben utilizzata in parole e immagini. Va oltre il prodotto: è l’efficace comunicazione di uno stile di vita.


Come fareste (o rifareste) il vostro sito web? Quale colore vi identifica meglio? Quali sono le tre cose che volete comunicare di voi attraverso il vostro sito?


#inboundmarketing #regoladeltre #ilcolorecomunica


5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti